il grillino le canta al sistema e sogna il mondo che decresce

Gianni Benciolini: «Crescita vuol dire solo più Pil, sviluppo invece significa migliore qualità della vita E risparmiando energia si creano posti di lavoro»

Gianni Benciolini, candidato sindaco del Movimento 5 stelle
Devoto a San Francesco d´Assisi, «protettore degli animali e del creato», tant´è che ha chiamato Francesco suo figlio, di un anno e quattro mesi, avuto dalla compagna Silvia. Seguace di Beppe Grillo. Teorico del buon senso, «amo il detto “in medio stat virtus”», ma in pista con uno slogan battagliero tratto dal film Animal house, con John Belushi: «Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare».
Mitezza e grinta, riflessione e decisione, sorrisi ma stoccate quando servono. Gianni Benciolini, 43 anni, è il candidato sindaco del Movimento 5 stelle nato e cresciuto sul web sulle ali del ciclone Grillo, comico tramutatosi in guru anti-sistema politico. Troppo guru? «Intanto non c´è solo internet, ma siamo radicati sul territorio», dice Benciolini, liceo scientifico Fracastoro, tecnico informatico all´Università, studi di scienze naturali, «e poi non è vero che c´è un unico leader, Grillo, nel movimento. Anzi, è capitato che si siano prese decisioni che andavano contro a quello che diceva lui».
Formatosi negli scout, amante della montagna — «passione di famiglia: nonno alpino e papà sciatore» — il candidato ha una passione francescana per la natura e in particolare per le specie di uccelli, al punto da diventare, dopo corsi e una pratica fino all´ottenimento di una licenza data dall´Ispra (Istituto superiore per la ricerca ambientale), un «inanellatore». Che significa? «Catturiamo i volatili e mettiamo loro un anellino nelle zampe, con un codice univoco, e poi li rilasciamo. Serve per censirli e monitorarli. L´ultima volta ho operato così all´isola di Zannone, vicino a Ponza».
C´è un luogo, nella vita del grillino? «Sì, la casa di campagna dei Benciolini, a Colà di Lazise, dove sono cresciuto con tutti i miei parenti». Natura, animali, montagna, mare e…la vita moderna, nella città? «Ora abito in Valdonega. Ho rottamato l´auto, mi sposto con la mia moto Bmw 1.100 o in bicicletta. Quando mi serve l´auto uso quella di mio suocero». La crisi economica morde, che fare? «Non puntare alla crescita, che è solo aumento di produzione e di Pil, ma invece allo sviluppo socio-economico, che c´entra con la qualità della vita. Anzi, ci vuole la decrescita: risparmio energetico, consumare di meno».
Ma i posti di lavoro non calano, con la decrescita? «No. Anzi, aumentano. Un esempio? Uno stabilimento per gestire raccolta differenziata di rifiuti a freddo occupa il doppio di persone rispetto a una gestione con un inceneritore-termovalorizzatore, come Ca´ del Bue». Benciolini decresce anzitutto nei soldi spesi in campagna elettorale. «C´è una ditta di Bolzano che ci confeziona la propaganda e ce la manda on-line: 240 euro per 250 manifesti, meno di un euro l´uno; 20mila volantini a 200 euro. L´unica spesa vera sarà per la corrente elettrica per il comizio di Grillo» — sabato, alle 21.30, in piazza dei Signori — «che ci costa 300 euro. Alla fine spenderemo massimo 3.500 euro e così verificheremo quanto ci sarà costato ogni voto preso. In questi giorni sento che la gente è stufa di vedere i propri soldi in mano a gente che non li rappresenta». Un bel libro letto? «Siamo in guerra, di Grillo e Casaleggio». Accidenti, proprio in guerra? «Io dico che se l´Italia non cambia vado all´estero. Cambiare come? Migliore qualità della vita, meno stress lavorativo, più benessere sociale e meno economico. Lo sogno per mio figlio o per i miei figli, se ne avrò altri».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...