Comunicato stampa 16/11/12: “Il Grande Fratello”.

 

Chi dice che la politica sia una cosa noiosa? Qui da noi, nella ridente terra del riso, non lo è affatto. Basta lasciar fare al nostro Sindaco. Qualche giorno fa ci ha regalato una stupenda serata dedicata all’Interporto, nel corso della quale abbiamo capito che il Buon Interporto ad Isola della Scala porterà tanti camion, ma trainati da topolini che saranno trasformati in cavalli (vapore) da un fata buona, che porteranno sul territorio solo opulenza e pace, senza tracce di cementificazione e inquinamento. Questa settimana, poi, il Sindaco ha voluto regalarci un’altra serata di grandi emozioni parlando di Ospedale.

Dobbiamo dire di non essere stati molto stupiti dall’assenza dell’Assessore Coletto. Lo stesso sindaco si è ben guardato da partecipare al Consiglio Comunale nel corso del quale è stata discussa una mozione riguardante proprio quest’argomento. Meglio defilarsi quando gli argomenti si fanno impopolari …

Ma veniamo alla serata, organizzata come al solito all’insegna dell’autocelebrazione. Un gruppo di persone tutte concordi nell‘esprimere compiacimento per la grande qualità del LORO lavoro e per i brillanti risultati conseguiti: pensate, l’Ospedale non ha ancora chiuso. Dite grazie ed abbassate le testa! Certo, incrociare un medico nei corridoi dell’Ospedale è impresa titanica, il pronto soccorso lavora a part-time, le sale operatorie anche, ogni giorno un pezzetto di Ospedale se ne va. Ma cosa importa? LORO hanno fatto il possibile, di più non si poteva proprio … Sarà vero?

Non lo sappiamo, ma sappiamo che per tutta la serata non è mai stato nominato il Comitato dei cittadini per l’Ospedale, nato circa un anno fa e che ha presentato pochi giorni fa un esposto in Procura ipotizzando il reato di “Interruzione di servizio Pubblico”. Peccato non farne menzione, perché a noi sembra che il Comitato abbia fatto davvero tanto per salvare il nostro Ospedale.

Ma la parte più interessante è stata la ricostruzione storica fatta dal Sindaco degli avvenimenti degli ultimi 12 mesi. Noi sappiamo bene che circa un anno fa abbiamo posto il problema dell’imminente chiusura di alcuni reparti dell’Ospedale (Pediatria e Maternità). Sappiamo anche che il Sindaco ci ha risposto “sottovoce” dicendoci che era un argomento tabù, che lui stava lavorando “sottotraccia”, che nessuno doveva sapere quali fantastici progetti erano oggetto di trattativa per Isola della Scala e che, se la cosa fosse stata resa pubblica, gli altri comuni del territorio ci avrebbero “copiati”. Silenzio, quindi, ignorare il problema. Il Grande Fratello Giovanni Miozzi si stava occupando della cosa.

Il Comitato (e noi eravamo assolutamente d’accordo nell’impostazione) ha posto il problema DA SUBITO in altri termini: abbandoniamo i campanilismi, abbiamo bisogno di un Ospedale degno di questo nome, non importa in che luogo, purché di alta qualità e geograficamente compatibile con la nostra città. Due visioni del problema si sono contrapposte da subito. Del resto, la miglior conferma viene dal fatto che in occasione della visita del Sig. Padrin ad Isola della Scala, l’incontro con questo per illustrare le proposte dell’Amministrazione si sia tenuto a porte chiuse (silenzio … che nessuno sappia nulla …) e che ad Aprile, dopo aver raccolto più di 2.000 firme di cittadini, il Comitato ci abbia chiesto di presentare una mozione in Consiglio che chiedeva esattamente le stesse cose chieste ora dall’Amministrazione. Ma all’epoca la stessa Amministrazione ha fatto di tutto, peraltro riuscendovi, per svuotare la mozione del suo contenuto “politico”.

Poi, a Maggio, la conversione. Non sappiamo cosa sia successo, ma improvvisamente il Sindaco ha cambiato toni e strategia. Ha aggregato 26 Sindaci della Bassa Veronese, ha scritto al Prefetto ed è andato con una delegazione di Sindaci a Venezia a chiedere di capire le ragioni del nostro territorio. ESATTAMENTE QUELLO CHE CHIEDEVA IL COMITATO (ED ANCHE NOI) DA MESI. Ora, nella vita si può sbagliare e si può cambiare idea. Ma manipolare la Storia come descritto da ORWELL in 1984, dove il Grande Fratello decideva ogni giorno cosa era successo un giorno o un anno prima, è una cosa inaccettabile. La credibilità, sig. Sindaco, si conquista con l‘impegno quotidiano e con l’onestà intellettuale. Se non si parte dalla verità, accettando anche di chiedere scusa quando occorre, la si perde: e la credibilità è, ai nostri occhi, la merce più preziosa per un Amministratore Pubblico.

Siamo felici di sapere che adesso l’Ospedale è diventato finalmente una battaglia del territorio per difendere i diritti Costituzionali dei cittadini che lo abitano, e ci fa piacere sapere che un gruppo nutrito di Amministratori si sia reso conto dell’interesse collettivo di questa battaglia. Ma non ci faccia credere, per favore, Sig. Sindaco, che si tratta di una sua idea.

Un’ultima nota di colore: alla fine dell’incontro sull’Interporto abbiamo chiesto al Sig. Sindaco se non era il caso di consultare i cittadini con un referendum prima di decidere sull’esecuzione di un’opera così importante. Ci è stato risposto che il referendum era già avvenuto, dal momento che tale opera era sul programma elettorale. Bene. Per quanto riguarda la sanità, leggiamo sul programma elettorale del Sig. Miozzi che l’impegno dell’Amministrazione si sarebbe concentrato sulla realizzazione di un nuovo Polo Ospedaliero del Sud-Ovest. Una struttura di cui nemmeno all’ULSS 22 hanno mai sentito parlare. Sig. Sindaco, i suoi cittadini l’hanno votata per far nascere il nuovo Polo Ospedaliero del Sud-Ovest. Può illustrarci gli atti concreti che ha prodotto perché questa struttura possa nascere a breve?

 

Renzo Gasparella

Movimento 5 Stelle Isola della Scala

16 Novembre 2012

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...