Tensioni nella maggioranza. Tolte le deleghe a Faccioni.

ISOLA DELLA SCALA. Si è rotto il rapporto di fiducia tra il sindaco e il consigliere incaricato di seguire l’edilizia privata. Miozzi: «Non era disponibile al lavoro collegiale» La replica: «Ne deduco la volontà di estromettermi dalle decisioni in assoluta mancanza di lealtà»

04_31_are_f1_446_a_resize_526_394

La maggioranza ha perso un consigliere. Il sindaco Giovanni Miozzi ha revocato l’incarico ad Alessandro Faccioni, che ha risposto lasciando la lista Miozzi per Isola in cui si era candidato alle elezioni nel maggio 2011. «Sarò capogruppo di me stesso e valuterò di volta in volta come comportarmi», ha detto in Consiglio comunale. Miozzi il 13 marzo gli aveva comunicato la revoca dell’incarico di supporto nelle materie di edilizia privata e urbanistica che gli aveva attribuito nel giugno 2011, revoca basata sulla presa d’atto «che ormai da mesi il consigliere non si rapporta con il sindaco né riferisce sulle attività svolte, pregiudicando il rapporto con i consiglieri di maggioranza. «Lo spirito di collegialità e collaborazione all’interno dell’amministrazione è condizione indispensabile, è venuto meno il rapporto fiduciario tra sindaco e consigliere ed è venuta a mancare la disponibiltà di questo alla relazione». Faccioni ha ricambiato la sfiducia: «Mi sento in tutta franchezza di reindirizzare a lei la contestazione riguardo la mancanza di spirito di collegialità e collaborazione perché è ormai da tempo che non mi si convoca alle riunioni di maggioranza. Ignorando le ragioni di tale comportamento, ne deduco la volontà di estromettermi dalle decisioni collegiali, in assoluta mancanza di lealtà e chiarezza. Comunico di non far più parte della lista e di rinunciare all’incarico per l’attuazione del Pat». Faccioni siede in consiglio da 20 anni, tra cariche di vicesindaco, assessore e consigliere; nel precedente mandato di Miozzi era assessore all’edilizia privata e all’urbanistica. Negli ultimi mesi, le sue assenze in consiglio avevano fatto supporre un’ incrinatura nei rapporti con l’amministrazione, poi confermata da votazioni difformi. «La revoca», dice il consigliere, «è arrivata dopo il mio voto contrario, per un problema di distanze, a una delibera del 22 febbraio di autorizzazione di un privato per una costruzione confinante con la proprietà comunale». Il Consiglio ha anche preso atto della dimissioni del consigliere Michele Furlani per motivi di sopravvenuta indisponibilità di tempo a svolgere l’incarico. Furlani era entrato nella maggioranza un anno fa dopo le dimissioni dell’assessore Luca Brutti, da cui aveva ereditato gli incarichi alle manifestazioni e all’ente fiera, gli è subentrato Stefano Benincasa, primo dei non eletti, che nella precedente amministrazione Miozzi era consigliere con incarico alle Politiche del lavoro.

 

Mariella Falduto, L’Arena 4/5/2013

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...